EDITTO DI MILANO: CARD. SCOLA IN SERBIA, "CONTRIBUTO CRISTIANI PER EUROPA"

(Sir Europa – Niš) – "L’uomo contemporaneo europeo vive in una realtà affaticata, non solo per la crisi e per la disoccupazione", e "deve scommettere sulla sua identità religiosa. Per questo l’editto di Milano è attuale oggi": è quanto ha affermato l’arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, ai giornalisti al suo arrivo a Niš, in Serbia, per le celebrazioni del 1700° anniversario dello storico documento. L’inviato speciale del Papa per questo evento ha ricordato anche l’importanza di "chiedersi quale potrebbe essere il contributo dei cristiani per il futuro dell’Europa". A suo avviso "sarebbe ancora meglio se questo apporto fosse frutto degli sforzi comuni di tutte le confessioni cristiane presenti sul Vecchio continente". Un’idea apprezzata e sottolineata dal sindaco della città natale dell’imperatore Costatino, Zoran Perišič. "Si parla tanto delle differenze tra gli ortodossi ed i cattolici, ma quando siamo con il cuore aperto tutte queste diversità alla fine non sussistono", ha affermato l’amministratore locale. Anche il patriarca serbo Irinej, con cui il cardinale Scola ha avuto un lungo e cordiale colloquio ieri a Belgrado, ha auspicato un dialogo più intenso tra le Chiese sorelle "immagine dell’unica Chiesa di Cristo" per poter affrontare "le sfide odierne".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy