IL PAPA A CAGLIARI: MANGONI (CARCERE MINORILE), "I GIOVANI AL CENTRO" (2)” “

Per Mangoni, "l’attenzione che Papa Francesco sta dedicando alle situazioni degli ultimi del nostro contesto sociale merita di essere condivisa a più livelli, anche istituzionali: è un messaggio di sostanza, perché ricorda mettere in prima fila coloro che non hanno altra occasione di manifestare la propria esistenza, se non attraverso il disagio, la marginalità". Per il responsabile del carcere minorile di Quartucciu, "il Papa restituisce visibilità positiva a coloro che non l’hanno mai avuta. Chiedere di incontrare i detenuti del carcere di Buoncammino e, credo in particolare, soprattutto i nostri giovani detenuti significa dare una attenzione a chi può solo subire le decisioni altrui, e non parlo solo della giustizia, ma di un sistema che non è riuscito a renderli partecipi di un contesto sociale libero". Per il direttore "non si può non dare il plauso all’iniziativa di Papa Francesco di spostare l’attenzione sulle vere difficoltà sociali piuttosto che chiedere una mera vetrina: purtroppo questi eventi possono aver un retrogusto non piacevole, invece la visita del Santo Padre si connota per la attenzione specifica alle reali difficoltà sociali".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy