FILIPPINE: RAID AEREI A ZAMBOANGA, NUOVO APPELLO DEI VESCOVI DI MINDANAO” “” “

I vescovi di Mindanao, l’isola al sud delle Filippine, dove è in corso da una settimana una recrudescenza del conflitto tra esercito e ribelli islamici, hanno lanciato sabato un nuovo appello alle forze governative e ai ribelli perché "facciano passi in avanti nel dialogo per trovare una soluzione pacifica al conflitto". I 18 arcivescovi e vescovi dell’isola invitano il governo e ribelli del Moro islamic liberation front (nato da una scissione del Moro national liberation front) "a sedere ad un tavolo di negoziati e trovare una soluzione tramite il dialogo", dato che "lo scontro armato porta solo vittime e genera nuova violenza". Da quando è iniziato l’assedio, Zamboanga è "virtualmente paralizzata" e la gente "è in uno stato di terrore", scrivono i vescovi. "Siamo profondamente addolorati e turbati da questa terribile tragedia per la vita umana e i beni di molte famiglie – affermano -. Esprimiamo la nostra solidarietà a tutti i musulmani e i cristiani colpiti. Condanniamo il terrorismo che è stato inflitto a una città intera. Condanniamo l’ atto disumano di utilizzare gli ostaggi come scudi umani". I vescovi chiedono anche al governo, alle organizzazioni non governative e alla società civile di provvedere all’assistenza degli sfollati. E si impegnano a coinvolgere anche "altri capi religiosi musulmani, cristiani e indigeni a pregare e lavorare per la pace". (segue)” “” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy