NORVEGIA: DINGSTAD (PORTAVOCE DIOCESI OSLO), "HA VINTO LA VOGLIA DI NOVITÀ"

Sarà Erna Solberg, la leader del partito conservatore, a formare il prossimo governo norvegese, secondo il voto espresso ieri da oltre il 77,5% dell’elettorato. Dopo otto anni di coalizione del centro-sinistra, guidata da Jens Stoltenberg, si cambia. "La voglia di novità è quella che ha determinato l’esito delle elezioni", commenta per il Sir Andreas Dingstad, responsabile per la comunicazione della diocesi di Oslo. "Alcuni giornalisti stranieri hanno legato la vittoria di questo partito all’attentato di Oslo del 2011, ma in realtà non c’è stata questa riflessione nella campagna elettorale né si hanno avuto riflessi nelle urne". La Solberg dovrà governare a capo di una coalizione di quattro partiti (Conservatori, Partito del progresso, Partito liberale e partito Cristiano democratico, fra i quali non manca una forte componente nazionalista), "ciascuno con le proprie priorità, per cui è difficile immaginare per il futuro radicali cambiamenti". Una novità potrebbe però arrivare dal settore dell’economia: "In campagna elettorale la Solberg ha spesso insistito sulla necessità di diversificare la ricchezza della Norvegia, per non farla dipendere esclusivamente dal petrolio", spiega ancora Dingstad. Le chiese potranno forse trarre qualche beneficio dal nuovo governo che ha posizioni favorevoli in merito, ad esempio, alla scuola privata, essendo le chiese della Norvegia molto impegnate nelle istituzioni educative. ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy