MONS. CROCIATA: IL PAPA A LAMPEDUSA, NESSUNA STRUMENTALIZZAZIONE POLITICA

"Sappiamo molto bene come la questione dell’immigrazione è stata al centro di controversie politiche da non pochi anni, che purtroppo l’hanno ridotta a mero strumento di lotta politica. Il Papa credo che si sottragga a tale rischio per il senso del gesto in sé e per lo stile con cui lo ha compiuto, dal momento che si è posto su un piano umano e credente". È la riflessione di monsignor Mariano Crociata, segretario generale della Conferenza episcopale italiana, che in un’intervista al Sir (clicca qui) commenta la visita lampo di Papa Francesco a Lampedusa. Il Papa, spiega mons. Crociata, "invita ad andare oltre tutti gli schemi, i preconcetti e tutte le abitudini, per vedere la nuda umanità e la cruda sofferenza che tocca tutti, al di là delle appartenenze e degli interessi politici. Quindi è importante mostrare, a chi volesse strumentalizzare politicamente questo gesto, il suo valore trasversale ed universale. Non un gesto di parte, dunque, non strumentale o funzionale ad altri obiettivi, ma che ha in sé il suo fine. Il fatto che abbiamo problemi e che vediamo la loro soluzione in un senso o in un altro dal punto di vista delle dinamiche socio-politiche, non ci esonera dalla responsabilità di essere vicini, compatire e aiutare chi sta peggio di noi, soffre e mette a repentaglio la propria vita".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy