PAPA FRANCESCO: "LUMEN FIDEI", "LA FEDE È UN BENE" ANCHE "PER LE NOSTRE SOCIETÀ"” “” “

"La fede non allontana dal mondo e non risulta estranea all’impegno concreto dei nostri contemporanei", perché "senza un amore affidabile nulla potrebbe tenere veramente uniti degli uomini". Ne è convinto il Papa, che nel quarto e ultimo capitolo della sua prima enciclica "Lumen Fidei" si sofferma sul rapporto tra Chiesa e mondo. "La fede è un bene per tutti, è un bene comune – afferma il Papa – la sua luce non illumina solo l’interno della Chiesa, né serve unicamente a costruire una città eterna nell’aldilà; essa ci aiuta a edificare le nostre società, in modo che camminino verso un futuro di speranza". Il primo ambito in cui "la fede illumina la città degli uomini", per il Papa, si trova in famiglia, come "unione stabile dell’uomo e della donna nel matrimonio", che nasce "dal loro amore, segno e presenza dell’amore di Dio, dal riconoscimento e dall’accettazione della bontà della differenza sessuale, per cui i coniugi possono unirsi in una sola carne e sono capaci di generare una nuova vita". Poi i giovani: qui il Papa cita le Giornate mondiali della gioventù, in cui giovani mostrano "la gioia della fede" e l’impegno a viverla in modo saldo e generoso: "I giovani hanno desiderio di una vita grande. L’incontro con Cristo le dona una speranza che non delude. La fede non è un rifugio per gente senza coraggio, ma la dilatazione della vita".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy