LIGURIA: SIR REGIONE, IN FASE DI DEFINIZIONE UN NUOVO PIANO TERRITORIALE

"Un piano di questa importanza, che rappresenterà per gli anni a venire il documento fondamentale dell’urbanistica in Liguria, non può che essere condiviso, con i tempi necessari, dagli amministratori delle comunità locali". Così Pierluigi Vinai, segretario generale Anci Liguria, commenta a Sir Regione (clicca qui) il nuovo Piano territoriale regionale (Ptr) della Liguria, in fase di definizione. "Il piano – aggiunge – è ancora in lavorazione. Può essere migliorato e se le comunità locali lo condividono il risultato dell’Anci è raggiunto perché un piano di simile portata non può essere calato dall’alto". Per Paolo Carrozzino, segretario regionale Fai-Cisl Liguria, il Piano "potrebbe essere un valore aggiunto" se s’intersecasse "con altre iniziative regionali come la banca della terra. L’importante è riuscire a dare certezze stabilendo chi può fare, cosa può fare e dove. È in quest’ottica che si parla molto di recupero dell’esistente, perché abbiamo dei borghi bellissimi nell’entroterra che, rispetto alla vicina Francia, appaiono abbandonati e sotto utilizzati quando potrebbero invece diventare un’occasione di lavoro per tanti giovani". Secondo Davide Viziano, presidente dell’Ucid della Liguria, invece, "il nuovo Ptr appare come una macina appesa al collo", perciò "questo provvedimento andrebbe abbandonato".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy