FUNERALI VITTIME TRENO SPAGNA: MONS. BARRIO, "NON SIAMO UN GRIDO NEL VUOTO"

Il dolore unisce la Spagna e l’Italia. Lo ha ricordato ieri sera monsignor Julián Barrio, arcivescovo di Santiago de Compostela, che in occasione dei funerali delle 79 vittime della tragedia del treno deragliato il 24 luglio alle porte della capitale della Galizia, ha rivolto un messaggio di cordoglio e solidarietà "alle vittime e ai feriti dell’incidente dell’autobus avvenuto" domenica in Italia. A concelebrare i funerali nella cattedrale di Santiago de Compostela monsignor Juan Antonio Martínez Camino, segretario della Conferenza episcopale spagnola, in rappresentanza del presidente, il cardinale Antonio Rouco Varela. Presenti anche il premier Mariano Rahoy e i principi delle Asturie. Dopo un pensiero e un augurio di "pronta guarigione" ai feriti, monsignor Barrio si è rivolto alle famiglie delle vittime: "Dal primo momento vi abbiamo tenuto nel nostro cuore come anche loro. Abbiamo i vostri sentimenti e siamo dalla vostra parte. Soprattutto, dal primo momento, Papa Francesco ci ha accompagnato con la sua vicinanza spirituale, con il suo fraterno affetto e con la sua emozionata solidarietà. Lo ringraziamo vivamente". L’enorme dolore per l’incidente e le sue vittime "lo abbiamo vissuto nella fede, nella speranza cristiana e nel mistero, sentendo la vicinanza della nostra gente". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy