CARDINALE TONINI: "VITA CASALESE", IL RICORDO DEL VESCOVO EMERITO DI RORAIMA” “” “

"È venuto due volte a Roraima perché aveva avuto da un nostro missionario la conoscenza degli indios, che vivevano in grande povertà ed erano sfruttati dai fazenderos bianchi, che volevano che andassero via dalle terre per fare delle grandi praterie per i loro allevamenti. Monsignor Tonini volle rendersi conto di persona e venne in Brasile girando per i villaggi e parlando con gli indios". In un’intervista alla "Vita Casalese" (Casale Monferrato) monsignor Aldo Mongiano, vescovo emerito di Roraima, in Brasile, ma nativo di Pontestura e appartenente alla Congregazione dei Missionari della Consolata, ricorda il cardinale Ersilio Tonini, che fu suo grande benefattore a Roraima. Infatti, "tornato in Italia, monsignor Tonini lanciò nel 1987 la grande campagna ‘Una vaca para o Indio’ attraverso la radio, la tv e ‘Avvenire’, che ebbe l’appoggio di Papa Giovanni Paolo II che mise una grossa offerta e scrisse anche un suo messaggio. Le offerte arrivate tramite monsignor Tonini alle Missioni della Consolata furono tantissime, tanto che si poterono comprare oltre 20.000 mucche". Per gli indios "fu una ricchezza grande, con un beneficio sociale ed economico enorme, che così sono cresciuti nel benessere e anche nella fede, perché hanno visto l’espressione concreta della carità cristiana".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy