EGITTO: MONSIGNOR ZAKY (ALESSANDRIA), "SIAMO TUTTI COL FIATO SOSPESO" (2)” “” “

"Siamo in attesa e con il fiato sospeso perché le decisioni che verranno prese saranno di vitale importanza per il Paese e per tutto il popolo. I partiti di opposizione – dichiara monsignor Zaky – sembra abbiano già un piano per il dopo dimissioni del presidente ed esiste anche una road map dell’esercito. Lo scopo è quello di non ripetere gli sbagli del 2011, quando, dopo la caduta di Mubarak, il Paese cadde nel caos. Ora si cerca di fare tesoro dell’esperienza passata. Purtroppo – ammette il vescovo – s’impara a prezzi altissimi di vite umane. Preghiamo perché il Paese non cada in un’assurda guerra civile. I cristiani stanno vivendo da egiziani questo momento. Non c’è differenza religiosa tra i cittadini, tutti si sentono uniti e marciano verso un unico scopo e pregano per la libertà, la democrazia e la rinascita del loro Paese".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy