GMG TRIVENETO: MONS. MORAGLIA, "RISCOPRIRE LA GIOIA DELLA NOSTRA FEDE"

(Chioggia, dal nostro inviato) – È iniziata ieri mattina presto, a Chioggia, la Giornata regionale della gioventù del Nordest, intitolata "Io, te e Rio". Chioggia, Venezia, Vicenza, Udine, Concordia-Pordenone, Adria-Rovigo e Vittorio Veneto le sette diocesi coinvolte. Tremila i giovani partecipanti, provenienti non solo da queste diocesi, ma anche da Emilia Romagna e Lombardia. I giovani sono arrivati nel centro storico della città, a partire dalle 7. La mattina è stata dedicata alla visita di Chioggia e alle catechesi nelle chiese che si affacciano sul Corso del Popolo. Sono stati i delegati delle varie diocesi a proporre delle riflessioni sul tema della Gmg, "Andate e fate discepoli tutti i popoli". Dalle 14 i giovani si sono trasferiti allo stabilimento balneare "InDiga", sulla spiaggia di Sottomarina a Chioggia, l’area nella quale si svolge la manifestazione fino ad oggi. Il pomeriggio è stato dedicato ai giochi e ai laboratori. La festa sulla Spiaggia ha il mare come filo conduttore, quel mare che unisce Chioggia e Rio, abbracciate dallo sguardo di Cristo Redentore che domina la città brasiliana. Ospiti della serata i familiari di Carlo Urbani, il medico marchigiano che, per primo, ha identificato la Sars nel 2002. Apice della serata la grande veglia in diretta con Papa Francesco da Rio De Janeiro. Un momento di preghiera intenso al quale ha partecipato anche il vescovo di Chioggia, monsignor Adriano Tessarollo. (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy