GMG CRACOVIA 2016: L’ESULTANZA DEI POLACCHI ALL’ANNUNCIO DELLA PROSSIMA EDIZIONE

(Rio de Janeiro, dai nostri inviati) – "Una grande sfida per la Polonia, ma anche per l’Europa tutta". Suor Dorothy Domin è una religiosa polacca, benché viva in Nord America, a Vancouver, e ha esultato, all’unisono con i duemila polacchi presenti a Rio, alla notizia che la prossima Giornata mondiale della gioventù sarà proprio nella sua terra natale, a Cracovia (clicca qui). "Sarà una sfida – prosegue – per la Chiesa cattolica, ma anche per tutto il Paese". Non ha timori, però, sulla riuscita dell’evento, è certa che la terra del beato Giovanni Paolo II sia pronta a ricevere nuovamente questo evento, dopo la Gmg di Czestochowa del 1991. Anzi, proprio dalla Polonia, grazie alla prossima Gmg, potrà partire un "rinnovamento della fede in grado di contagiare tutto il Continente, che ha bisogno di guide e testimoni autentici per rigenerarsi". Guide e testimoni "come fu il beato papa Giovanni Paolo II, come è stato Benedetto XVI e come, oggi, è papa Francesco". Ma come sono chiamati a essere, conclude la religiosa, pure "i tanti giovani che partecipano alle Gmg, una volta tornati a casa".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy