GMG BASILICATA: MONS. SUPERBO, "USCIAMO DALL’INDIVIDUALISMO"

(Maratea, dalla nostra inviata) – "Gesù invita i discepoli, e anche noi, a intraprendere un vero itinerario di educazione alla preghiera". Lo ha detto, stamattina, monsignor Agostino Superbo, arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo e presidente della Conferenza episcopale di Basilicata, nella messa che ha concluso la Giornata regionale dei giovani lucani a Maratea. "Non possiamo vivere senza la forza che viene dalla preghiera, dall’incontro con Dio: l’incontro con Dio manifesta le linee portanti della nostra identità, le dimensioni valide della nostra persona e della nostra esistenza", ha sottolineato il presule, iniziando un approfondimento del Padre Nostro. Nella preghiera che Gesù ci ha insegnato, già "l’invocazione iniziale, ‘Padre’ ci pone subito in una relazione filiale verso di Lui". Alla presenza del Figlio di Dio, "la figliolanza degli uomini è reale, tocca la struttura profonda dell’umanità". "Il nome di Dio è Santo, Egli si manifesta a tutti, in maniera misteriosa ma anche attraverso quanti credono in Lui", ha aggiunto. L’invocazione "venga il tuo regno", ripetuta ogni giorno, "farà di noi, gli operai generosi del Regno. La nostra preghiera ci renderà persone entusiaste di Dio, che desiderano innanzitutto che, anche nel nostro mondo, sia riconosciuto l’Amore infinito e misericordioso di Dio verso tutti gli uomini, che sia adorato, che tutto il mondo lo riconosca come Padre". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy