CATECHESI GMG RIO 2013: MONS. SIGALINI, LA "MISSIONE È PROGRAMMA DI VITA"

"Missione è programma di vita della testimonianza, è forma dell’esistenza cristiana che ciascuno di noi tenta di vivere nel suo mondo di relazioni. Missione è vivere fino in fondo la scelta di Cristo". Lo ha detto monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e assistente ecclesiastico generale dell’Azione Cattolica, nella catechesi ai giovani italiani, dedicata oggi al tema "Essere missionari: Andate!". Essere missionari ha sempre significato per il cristiano "presentare la vita cristiana, la nostra vita, come l’accoglienza del grande sì che Dio ha detto all’uomo". È "dare un volto concreto alla speranza", è "mostrare l’unità dinamica tra fede e ragione". Infatti, "siamo capaci di affidarci a Dio e non alle magie, abbiamo una intelligenza che non mortifichiamo perché dobbiamo credere, ma che si sviluppa ancora di più e più in profondità a contatto con la fede". Essere missionari è "far vedere che c’è una capacità di sviluppare i nostri sentimenti, il nostro amore, la nostra sessualità nella prospettiva dell’amore di Dio". Ed ancora è "decidersi di vivere sempre nella verità costruendo relazioni di amore con tutti". Infine, "è dire con la vita che è Gesù il centro della storia, il criterio del bene e del male, la pienezza della vita, la bontà che salva l’umanità".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy