CATECHESI GMG RIO 2013: MONS. FORTE, "L’INCONTRO CI INTERPELLA NEL PROFONDO"” “” “

"L’incontro col Risorto ci interpella nel profondo del nostro cuore, chiamandoci a vivere sempre di nuovo la paradossale ‘identità nella contraddizione’, che scaturisce dall’incontro con Lui e va vissuta in pienezza nella comunione della Chiesa: è Gesù per me il Vivente, fino al punto da poter dire con Paolo ‘non sono più io che vivo, è Cristo che vive in me’?". Questa domanda l’ha posta monsignor Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto, nella catechesi ai giovani italiani dedicata oggi a "Essere missionari. Andate". Il presule ha posto poi altre domande ai giovani: "Vivo del continuo e sempre nuovo incontro con Lui, nella Sua Parola, nei sacramenti della Chiesa, nei legami della carità? Sono testimone del Risorto? Riconosco a Dio il primato assoluto nella mia vita, volendomi in tutto discepolo dell’Unico? Vivo l’esodo da me stesso, sforzandomi di operare sempre nuove scelte di carità e di servizio, motivando nell’amore tutto ciò che faccio? Sono testimone del senso più grande della vita e della storia, pronto a rendere ragione della speranza del Risorto che trasforma il cuore e la vita?". Secondo monsignor Forte, "con umiltà e fiducia potremo rispondere a queste domande solo se ci apriremo al primato del dono, che da Gesù Risorto sgorga per ogni creatura, il Suo Spirito effuso in noi, Spirito della vita che vince la morte".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy