MINORI: AIBI, 1.491 QUELLI ADOTTABILI IN ITALIA. SERVONO RIFORMA E BANCA DATI

Riforma delle adozioni internazionali e questione della banca dati dei minori adottabili sono state ieri al centro di un incontro tra Marco Griffini, presidente di Aibi – Amici dei bambini, e il capo Dipartimento della giustizia minorile, Caterina Chinnici, delegata dal ministro Cancellieri per un confronto sui prossimi passi da compiere in materia di protezione dei minori senza famiglia e in difficoltà. A darne notizia è oggi un comunicato di Aibi, dopo la volontà espressa dal ministro di avviare gruppi di lavoro interministeriali. Griffini ha illustrato le proposte per la riforma delle adozioni internazionali contenute nel Manifesto "Oltre la crisi: più famiglie e più adozioni", già condivise con la Commissione bicamerale infanzia nella precedente legislatura e recepite nelle proposte di legge attualmente depositate alla Camera. "Per la prima volta – si legge nella nota -, è stato comunicato il numero dei minori non ancora adottati: si tratta di 1491. Nel dato, in realtà, sono compresi anche quelli già in un percorso di affidamento preadottivo e non è dunque al momento ancora chiaro per quali fra questi bambini e ragazzi si sia già cercato, senza successo, di trovare una famiglia adottiva in Italia. La questione della banca dati, tema su cui Ai.Bi. porta avanti una battaglia di trasparenza da anni, sarà quindi oggetto di un ulteriore approfondimento".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy