ORTODOSSI: MESSAGGIO PER IL 1025° ANNIVERSARIO DEL BATTESIMO DELLA RUS’

Alla conclusione della sessione di primavera-estate del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa, il Patriarca Kirill e il Santo Sinodo hanno approvato un Messaggio a tutti i membri della Chiesa per il 1025° anniversario del Battesimo della Rus’. "Molti hanno cercato di allontanare il popolo della Russia dall’ortodossia" si legge, "ma le persone che hanno aderito alla fede cristiana hanno ripetutamente dimostrato la loro fedeltà al Salvatore". Attraverso le "brutali persecuzioni", "il cuore e l’anima di molti dei nostri connazionali sono stati santificati dalla verità di Cristo. Custodire questa verità e costruire su di essa la vita personale e sociale è il nostro dovere e una necessità spirituale". Dice ancora il Messaggio: "Dobbiamo imparare le lezioni del passato. E la prima fra tutte è che l’edificio della nostra civiltà non può esistere senza il fondamento evangelico su cui è stato costruito". Il testo ricorda inoltre la recente "rinascita della Chiesa russa": "Con umiltà occorre ammettere che non si conosce nella storia una rinascita religiosa così grandiosa e rapida come quella avvenuta nei confini della Russia storica negli ultimi 25 anni". Tuttavia "resta ancora molto da fare, perché il Signore vuole che noi portiamo nuovi frutti. Il primo fra tutti dovrebbe essere l’unità di fede e di vita, la testimonianza della verità del Vangelo in parole e gesti ai nostri concittadini".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy