AMBIENTE: RIUNIONE MINISTRI UE, INVESTIRE IN "CAPITALE NATURALE E BIODIVERSITÀ" (2)

La Conferenza Onu di Varsavia "dovrà definire un percorso chiaro verso l’adozione di un ambizioso accordo globale nel 2015 e dovrà determinare gli elementi principali e il campo d’applicazione dell’accordo”, ha sottolineato il ministro lituano dell’Ambiente, Valentinas Mazuronis. Il commissario europeo per il clima, Connie Hedegaard, ha indicato che occorreranno "decisioni relative ai meccanismi di mercato e a regole misurabili, comunicabili, rendicontabili e verificabili", invitando gli Stati membri a fornire i loro suggerimenti sui metodi per ridurre al minimo le emissioni di gas a effetto serra. I ministri hanno evidenziato le "molteplici opportunità economiche associate alla transizione verso un’economia verde a bassa emissione di gas effetto serra", denunciando che "i provvedimenti attualmente previsti non sono sufficienti a contenere la minaccia dell’aumento della temperatura globale", spiega il comunicato conclusivo della riunione. Oggi è intervenuto Xie Zhenhua, vice presidente della Commissione cinese per lo sviluppo nazionale e le riforme, sottolineando che le attuali emissioni della Cina sono un quinto dei gas serra su scala globale, ma "il Paese sta prendendo molti provvedimenti, ed è uno dei negoziatori strategici e un partner importante nella ricerca di soluzioni per l’accordo del 2015".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy