CONSIGLIO UE: BOTTALICO (ACLI), "RICONOSCERE ERRORI E CAMBIARE ROTTA"” “” “

"Dal Consiglio europeo in corso a Bruxelles ci si attendono due cose: la presa d’atto del progressivo impoverimento dei popoli europei e il coraggio politico di riconoscere gli errori compiuti in questi anni e di correggere la rotta". Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli, interviene a proposito del summit Ue in corso a Bruxelles e spiega: "Le cifre della crisi sono imbarazzanti. In Europa ci sono 30 milioni di persone in miseria, con problemi di malnutrizione e 26 milioni di disoccupati, cui vanno aggiunti 15 milioni di giovani sotto i 30 anni che né studiano né lavorano (2,2 milioni solo in Italia). L’Ue potrà rafforzarsi solo se saprà fornire soluzioni innovative e concrete all’ansia di democrazia e di lavoro che pervade la gente. Finalmente, anche per l’impegno del governo italiano, il problema del lavoro occupa l’agenda di un vertice europeo". Bottalico si sofferma, per Sir Europa, sulle "principali misure da adottare per far ripartire il lavoro e frenare la disoccupazione", tra cui figurano "quella di un grande piano per il lavoro di dimensione europea e di re-industrializzazione selettiva che individui un futuro per l’industria manifatturiera in Europa". "Vanno sbloccati e subito utilizzati, i fondi disponibili – aggiunge il presidente Acli -, dal fondo europeo per l’occupazione giovanile ai fondi strutturali, dando la priorità ai progetti che creano nuova occupazione giovanile". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy