LIBERTÀ DI COSCIENZA: MONS. NEGRI, "TOTALE DISSENSO PER EPISODI ANTICATTOLICI"

"Profondo e totale dissenso". È quello espresso dall’arcivescovo di Ferrara-Comacchio, mons. Luigi Negri, per alcuni recenti episodi: innanzitutto, gli risulta che nella sua, come in tante città italiane, in diverse sale cinematografiche sia stato proiettato un film realmente e incredibilmente anticattolico: "Le streghe di Salem". Contemporaneamente l’arcivescovo ha potuto vedere con i suoi occhi una "squallida imitazione della consacrazione e dell’elevazione dell’ostia rappresentata da un preservativo agitato davanti alla folla come se fosse il corpo vero del Signore", per di più a qualche centinaia di metri dalla basilica di San Giovanni in Laterano, a Roma. ” “Mons. Negri, perciò, ha incaricato una commissione di giuristi di aiutarlo a verificare se sussistano le condizioni per "una contemporanea querela agli organizzatori del convegno del primo maggio e allo Stato che non ha vigilato su ciò che viene proiettato liberamente nelle sale italiane". Si vede costretto a questo ulteriore gesto "non solo perché il film è stato proiettato nell’ambito della sua Chiesa particolare" ma perché l’arcivescovo non può dimenticare che "per lui, come per tutti i vescovi cattolici, Roma è Roma, cioè è la Chiesa che presiede a tutte le altre Chiese nella verità e nella carità".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy