ECONOMIA: REHN (UE), "RIPRESA DAL 2014". NESSUNA SCHIARITA PER IL LAVORO” “” “

(Sir Europa – Bruxelles) – La ripresa economica europea avverrà solo a partire dal 2014, benché il quadro generale va lievemente migliorando sia a livello mondiale che europeo. Olli Rehn, commissario Ue per gli affari monetari, presenta le Previsioni economiche di primavera elencando una serie di dati "ancora preoccupanti" sia per quanto attiene la crescita del Pil, sia sul versante del lavoro che dei conti pubblici. Anche nella prima metà del 2013 è attesa "una contrazione del Pil", con una situazione che andrà schiarendosi nella seconda metà dell’anno, fino a tornare a dati con segno positiva nel 2014. "L’inflazione continuerà a diminuire – specifica Rehn -, mentre non si individuano ribaltamenti di tendenza per quanto riguarda l’occupazione": nel corso dei prossimi mesi i disoccupati dell’area euro arriveranno al 12,2%, con "livelli insopportabili in Grecia e Spagna" e percentuali elevatissime di senza impiego fra i giovani. "Un aumento contenuto dell’occupazione si potrà verificare solo nel prossimo anno". La Commissione registra invece "qualche segnale di miglioramento nei mercati finanziari, benché il credito alle imprese" rimanga un ostacolo per la ripresa del sistema produttivo. Sui conti pubblici si evidenzia ancora un ritocco al rialzo del debito pubblico che nell’Eurozona arriverà a toccare il 96% sul Pil, "ossia 30 punti in più rispetto alla situazione pre-crisi".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy