CARDINALE BAGNASCO: SCUOLE PARITARIE, "EFFETTIVO RICONOSCIMENTO ECONOMICO"

Dopo aver espresso apprezzamento per la scuola statale nella relazione che ha aperto oggi il laboratorio nazionale Cei a Roma, il cardinale ha fatto riferimento alle scuole paritarie sostenendo che "il carattere pubblico delle scuole paritarie è affermato dal Parlamento italiano con la legge numero 62 del 2000 che, rifacendosi al principio costituzionale sulla libertà educativa ora richiamato, sancisce che ‘il sistema nazionale di istruzione è costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie private e degli enti locali’". Il presidente della Cei ha quindi notato che "a fronte del conclamato diritto alla scelta educativa, nel nostro Paese non è dato un effettivo e concreto riconoscimento sul piano economico alle scuole paritarie, nonostante le disposizioni in questa direzione della stessa Comunità europea. Fin dal 1984, – ha precisato – una risoluzione del Parlamento europeo ha stabilito che ‘il diritto alla libertà di insegnamento implica per sua natura l’obbligo per gli Stati membri di rendere possibile l’esercizio di tale diritto anche sotto il profilo finanziario, e di accordare alle scuole le sovvenzioni pubbliche necessarie allo svolgimento dei loro compiti’". Le scuole paritarie nel nostro Paese "rappresentano il 24% delle scuole italiane" ma "ricevono dallo Stato solo l’1% della quota stanziata per gli istituti", facendo "risparmiare allo Stato stesso 6 miliardi di euro l’anno".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy