FUNERALI CARABINIERE: MONS. PELVI (OMI), "CUORE APERTO ALLA GIUSTIZIA" (2)” “” “

"Un giovane luminoso, educato in famiglia e in parrocchia, ad uno stile di gratuità verso i più deboli e disagiati. La vita di Tiziano – ha detto il vescovo castrense – allontana la vendetta ed esige che l’odio sia seppellito con lui nella tomba. Dio vuole che in noi bruci la passione per il bene comune, vuole che si riaccenda il fuoco della civiltà dell’amore". Mons. Pelvi ha ricordato che "la missione del Carabiniere è prendersi cura della vita, in un mondo violento e magnifico. Ammiro e sono fiero di voi per quel circuito di benevolenza che vi lega agli italiani con un anello di affetto, simpatia, di solidarietà e stima che non ha paragone. Il vostro servizio sarà sempre necessario, anche nella società più giusta". "Fa riflettere – ha aggiunto il presule – che Tiziano e Domenico nella gioielleria di Maddaloni, Giuseppe e Francesco dinanzi a Palazzo Chigi, sono stati pronti ad offrirsi per la sicurezza delle istituzioni; a offrirsi per salvare la vita ad una famiglia di lavoratori. L’esempio dei nostri militari – ha concluso – ci aiuti a coltivare con magnanimità e lealtà l’amore all’Italia. Siamo chiamati tutti ad un sussulto di speranza, sviluppando il senso della responsabilità e la dedizione al bene comune".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy