FAMILY 2012: MONS. CANTAFORA (LAMEZIA TERME), "VIGILARE" SUI VALORI

"La famiglia, spesso trascurata e lasciata a se stessa, si è trovata da sola ad affrontare la sfida educativa e la trasmissione della fede. Molti genitori sono preoccupati di offrire ai figli una formazione culturale, attività sportive o iniziative che li occupino durante tutta la giornata e li facciano crescere, ma spesso si tralascia la cura della vita spirituale, ridotta semplicemente alla catechesi sacramentale, vissuta talvolta come opzionale e rituale e non come scelta di fede". Lo scrive in una lettera alla comunità diocesana mons. Luigi Cantafora, vescovo di Lamezia Terme, a pochi giorni dall’Incontro mondiale delle famiglie in programma a Milano da domani al 3 giugno. Per il vescovo "il relativismo imperante si è innestato anche nel nostro ambiente, per cui capita che anche chi si impegna in un cammino di fede in qualche gruppo o associazione, di fatto viva tutto questo in modo ancora superficiale". "Manca – aggiunge mons. Cantafora – una consapevolezza della dimensione comunitaria delle proprie scelte. Ogni nostra azione ha un risvolto sulla vita della comunità: possiamo inquinarla o al contrario rendere più giusto e più bello il mondo in cui viviamo. È vero che i ritmi di vita sono cambiati e anche nella nostra piccola realtà risentiamo di un mutato assetto sociale, tuttavia, proprio perché noi abbiamo ancora un tesoro di valori familiari, affettivi e spirituali, occorre vigilare su di essi, curarli e incrementarli".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy