COMUNICAZIONE: "CITTÀ NUOVA", OTTO GIORNI DI "GOOD NEWS"

Lezioni via Internet per uno studente di Arezzo al quale una grave malattia non consente per il momento di andare a scuola. A Milano 55 enti e associazioni locali, tra cui le Acli e il Comune, chiedono al governo di non spendere 13 miliardi per comprare 90 F35, ma piuttosto di puntare su politiche di difesa integrate a livello europeo e costruire centri di eccellenza per disabili. Una bimba di dieci anni ha deciso di fare volontariato in una casa di riposo, ma la legge non lo consente. E lei non si arrende. Queste (clicca qui) alcune delle "good news" raccontate nell’ambito del primo "Good news day", la giornata nazionale delle buone notizie, lanciata il 13 maggio dal gruppo editoriale “Città Nuova” (Movimento Focolari). Otto giorni (fino al 20 maggio) "per dar voce – spiegano i promotori – alle storie di altruismo, di generosità e di solidarietà che tanta gente costruisce quotidianamente, e che meritano spazio adeguato su quei media che vogliono fornire un’informazione completa". Nata all’interno di LoppianoLab – laboratorio di idee e iniziative per l’Italia del settembre 2011 –, l’iniziativa coinvolge sia i lettori che gli operatori dell’informazione, incoraggiati ad "essere diffusori di notizie di speranza nel quotidiano". Info: www.cittanuova.it.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy