STATI VEGETATIVI: DE NIGRIS (AMICI DI LUCA), VI SIA "UNA LEGGE AD HOC" ” “” “

Per gli stati vegetativi "dobbiamo pensare a percorsi di cura, al diritto all’assistenza, alle famiglie, al ruolo importante delle associazioni", che devono pure essere considerate "protagoniste in un dialogo con le istituzioni". Lo ha affermato Fulvio De Nigris, direttore del Centro studi per la ricerca sul coma "Gli amici di Luca" al convegno organizzato oggi a Roma dal Ministero della Salute per la Giornata nazionale degli stati vegetativi. A tal riguardo De Nigris ha chiesto "che si ricostituisca il seminario permanente sugli stati vegetativi istituito nel 2008 dall’allora ministro Roccella". Frutto del seminario è stato il "Libro bianco sugli stati vegetativi e di minima coscienza", documento "che per la prima volta definisce il ruolo delle associazioni, il percorso di assistenza dalla rianimazione alla fase postacuta, all’accompagnamento della famiglia, alla promozione di modelli organizzativi e assistenziali dei pazienti, alla scelta difficile del rientro a domicilio, alle buone pratiche". Da quel testo, poi, sono derivate le "linee guida", che ora devono essere "rese operative in tutte le regioni", mentre sarebbe bene accompagnarle – ha auspicato De Nigris – con "una legge ad hoc sugli stati vegetativi che sostenga, attraverso un fondo specifico, le problematiche inerenti le gravi cerebro lesioni, così come è successo per i malati di sclerosi laterale amiotrofica (sla)".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy