GESÙ NOSTRO CONTEMPORANEO: BERGER (TEOLOGO), "IL VANGELO È LA VERA FILO-SOFIA" (2)” “” “

"Gesù mette fine all’invisibilità di Dio" quale titolo della relazione è stato poi chiarito da Berger con il pensiero che "in lui (Cristo) Dio ha un volto che diventa accessibile a noi uomini. Nessuno ha visto Dio, questo ripete il Prologo di Giovanni. Tuttavia noi possiamo conoscere Suo Figlio; possiamo farci, nel senso più vero della parola, un’immagine di chi è e di come è il Padre". Il teologo tedesco sottolinea che riflettere su questa "somiglianza", "non significa eliminare il divieto di farci immagini. Vale piuttosto ancora di più il fatto che non una materia morta, come la pietra, il metallo o il legno, può rappresentare Dio, ma, in modo esclusivo, un uomo vivente, il Figlio di Dio Gesù Cristo. "Per i cristiani la verità ha un nome: Dio. E il bene ha un volto: Gesù Cristo", ha aggiunto, sottolineando che "dalla storia dei dogmi noi sappiamo quanto lo stesso concetto occidentale di persona sia stato plasmato attraverso l’immagine di Dio. L’antropologia filosofica fino alla scienza politica devono qui qualcosa di decisivo alla teologia". Berger ha poi affermato che "il superamento del divieto di fare immagini attraverso Gesù Cristo ha come fine il fatto che i cristiani stessi divengano immagini. L’unica via realistica è che l’essere come Dio non lo raggiungiamo con la disubbidienza e la violenza, ma ce lo lasciamo donare". Ne deriva che "la Chiesa è la comunità di quanti amano la stessa cosa".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy