GAZA: PARROCCHIA BEER SHEVA (ISRAELE), "SIA TREGUA DURATURA" ” “” “

"Abbiamo vissuto giorni molto difficili, pieni di paura, in modo particolare quest’ultima settimana durante la quale più e più missili cadevano sulla città. L’ultimo lancio è stato giusto un minuto prima dell’inizio del cessate il fuoco. Ora siamo piuttosto tranquilli". "Con sollievo", è don Gioele Salvaterra, parroco della comunità di Beer Sheva, capitale del Neghev, sud di Israele, a raccontare al SIR i "drammatici giorni" vissuti sotto i missili lanciati per mesi da Hamas dalla Striscia di Gaza. "Difficile e pericoloso per le persone è stato uscire di casa e muoversi" spiega padre Salvaterra che per celebrare la messa in questo periodo ha scelto la zona più riparata della canonica. "Dai racconti dei miei parrocchiani si capisce quanto grande sia stata la loro paura e preoccupazione soprattutto per i bambini e le persone anziane ma ora – dice il sacerdote originario della diocesi di Bolzano – con questa tregua spero si possa tornare a vivere con più tranquillità". La speranza di don Salvaterra è anche quella che "il cessate il fuoco sia duraturo e non debole come in passato. Abbiamo bisogno di pace e tranquillità per tornare alla nostra vita". La comunità di Beer Sheva è composta da circa 150 persone: tra loro ebrei ed arabi israeliani, immigrati dalla Russia, dalla Romania, dalla Polonia, dall’India ma anche francesi, italiani, portoghesi, olandesi ed americani.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy