TOGO: FRANCESCANI E CRISTIANI CONTRO TORTURA, "ELEZIONI DEMOCRATICHE PER EVITARE DRAMMI"

Un appello al governo attuale del Togo perché consenta "elezioni democratiche, per evitare i drammi del passato e le violazioni dei diritti umani": è stato lanciato oggi dalla Federazione internazionale dell’azione dei cristiani contro la tortura (Fiacat), dalla ong dei francescani Franciscans international e dall’associazione francese Survie, che esprimono preoccupazioni in vista delle presidenziali del 28 febbraio. Le tre organizzazioni temono che gli atteggiamenti "fraudolenti" del partito al potere e il suo coinvolgimento "nell’organizzazione, controllo, osservazione e proclamazione dei risultati", come pure "l’esacerbarsi della frattura sociale provocata da discorsi fondati sulle divisioni etniche" conducano alla contestazione dei risultati elettorali e a conseguenti violazioni dei diritti umani. Chiedono perciò al governo togolese di "garantire ai candidati pari accesso ai mezzi ufficiali di informazione"; "vietare ogni dichiarazione e comportamento che inciti alla violenza, all’ostilità, all’odio, alla discriminazione razziale, religiosa o etnica"; "assicurare il diritto all’informazione" permettendo a "giornalisti e osservatori nazionali e internazionali di partecipare al processo elettorale". L’appello viene esteso anche all’Unione africana, alla Comunità degli Stati dell’Africa dell’Ovest, all’Ue e all’ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite in Togo.” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy