ROSARNO: I VESCOVI CALABRESI, "LA CALABRIA NON MERITA LE ACCUSE DI RAZZISMO" (3)

I vescovi calabresi aggiungono anche l’invito "a non farsi giustizia da sé, ma ad aver fiducia nello Stato e in quanti per venire loro incontro cercano di coniugare legalità e solidarietà" e l’invito "pressante a chi ci governa perché prevenga i mali con una politica attenta e con interventi programmati di lungo respiro, piuttosto che intervenire poi per ripararli. L’accoglienza non può essere limitata alla semplice assistenza. Aggiungiamo – scrivono – ancora l’appello ad arrivare al cuore della delinquenza organizzata, quella palese, ma soprattutto quella occulta, per debellare la piaga dello sfruttamento del lavoro nero e di ogni altra forma di illegalità". A tutti coloro che cercano i loro profitti al di fuori della legalità, i vescovi rivolgono l’invito "a ritornare sui loro passi e convertirsi al Signore". Nel documento i vescovi calabri ringraziano Benedetto XVI per le parole pronunciate ed esprimono "fraterna solidarietà" a mons. Luciano Bux, Vescovo di Oppido-Palmi e a tutta la comunità cristiana per come hanno "testimoniato il Vangelo dell’accoglienza nei confronti dei fratelli immigrati non solo durante i giorni drammatici della contestazione, ma sin da quando il fenomeno dell’immigrazione ha cominciato ad interessare la nostra regione".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy