DROGA: CANTELMI (PSICHIATRA), "UN MESSAGGIO DEVASTANTE PER MILIONI DI GIOVANISSIMI"

Un "messaggio devastante per milioni di giovanissimi", che avrebbe richiesto "un segnale di condanna più chiaro e deciso da parte delle istituzioni". Così Tonino Cantelmi, psichiatra e presidente dell’Aippc (Associazione italiana psicologi e psichiatri cattolici) ed esperto di questioni giovanili, definisce in un’intervista al SIR le "irresponsabili dichiarazioni" del cantante Morgan sull’uso di cocaina per combattere la depressione, che gli sono costate l’esclusione dal Festival di Sanremo. Ribadendo la necessità di "tolleranza zero contro la droga", Cantelmi afferma che avrebbe preferito "una risposta più ferma e monolitica da parte della Rai, senza possibilità di ripensamenti o spiragli (come l’ipotesi, per ora non del tutto esclusa, di invitarlo a Sanremo come ospite, ndr)", e auspica che ora sulla vicenda "si spengano i riflettori". "Il vero disastro – spiega lo psichiatra – è misurabile su Internet: da alcuni giorni blog e social network pullulano di commenti positivi di giovani e adolescenti sulle dichiarazioni di Morgan, interventi spesso deliranti e inneggianti alla cocaina. Sono soprattutto loro, i ragazzi più giovani, le disarmate vittime di questa vicenda: sempre più disorientati e confusi, hanno recepito il messaggio che la droga può aiutare a stare meglio e a divenire personaggi di successo come il cantante". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy