EURISPES: RAPPORTO ITALIA 2010, IMPRENDITORIA ROSA E INTEGRAZIONE CULTURALE” “

Stipendi bassi, lotta alla crisi, sfiducia verso le banche e diffidenza nei confronti degli immigrati. È il quadro degli italiani che emerge dal Rapporto Italia 2010, presentato oggi da Eurispes. Dalla classifica 2008 relativa agli stipendi percepiti dai cittadini appartenenti alle economie che fanno parte dell’Ocse, a parità di potere d’acquisto, l’Italia occupa "il ventitreesimo posto sui trenta Paesi monitorati, con un salario medio netto annuo che ammonta a 21.374 dollari, pari a poco più di 14.700 euro". Se si volesse fare un paragone con gli altri cittadini europei, si legge nel Rapporto, "il lavoratore italiano percepisce un compenso salariale che è inferiore del 44% rispetto al dipendente inglese, guadagna il 32% in meno di quello irlandese, il 28% in meno di un tedesco, il 19% in meno di un greco, il 18% in meno del cittadino francese e il 14% in meno di quello spagnolo". Sul versante della crisi, invece, "il sistema produttivo italiano ha registrato un aumento delle imprese di 28 mila unità nel secondo trimestre del 2009, aumento che ha riguardato per lo più imprese individuali con titolari non giovanissimi" ma sono in particolare le "imprese rosa" quelle che "resistono meglio alla crisi" con 1,5 milioni di imprenditrici a metà 2009. (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy