PENA DI MORTE: COMUNITÀ S.EGIDIO, IL 30 NOVEMBRE GIORNATA MONDIALE DELLE CITTÀ PER LA VITA

L’approvazione di due Risoluzioni per una Moratoria universale della pena capitale all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, negli ultimi anni, "conferma un sentimento mutato del mondo per una nuova soglia, più alta, di rispetto dei diritti umani". Lo afferma la Comunità di Sant’Egidio annunciando la Giornata mondiale delle città per la vita, che si celebra il 30 novembre, in ricordo dell’anniversario della prima abolizione della pena di morte ad opera di uno Stato europeo, il Granducato di Toscana, avvenuta nell’anno 1786. La pena capitale, ricorda la Comunità di Sant’Egidio, è "un residuo del passato, come a lungo sono stati schiavitù e tortura, poi rifiutati dalla coscienza del mondo. Tuttavia, la strada verso l’abolizione della pena capitale resta lunga e difficile e necessita di un’azione decisa e a lungo termine in vista della implementazione della Risoluzione e dell’abolizione definitiva, universale". Negli ultimi anni la Giornata mondiale ha riunito numerose amministrazioni locali e società civili, per "offrire e promuovere universalmente questa battaglia tanto decisiva per l’umanità intera". Lo scorso anno hanno aderito all’iniziativa quasi mille città, di cui 55 capitali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy