DIOCESI: MONS. RENZO (MILETO), "LA RUGIADA DI DIO"

La Chiesa di Mileto-Nicotera-Tropea "non può non impegnarsi per uno sviluppo integrale del territorio, che deve puntare al bene comune come obiettivo da tutelare, fruire e valorizzare a tutti i livelli". E’ quanto scrive il vescovo della diocesi calabrese mons. Luigi Renzo nella lettera pastorale "La comunione rugiada di Dio" presentata oggi alla diocesi. Per il presule il bene comune "non è dato dall’insieme dei beni individuali, sommando i quali, se mai, avremmo il ‘bene totale’" ma al contrario "un bene comune è qualcosa di "indivisibile, a cui tutti possono rifarsi perché relazionale e correlato. Non è possibile pensare ed impegnarsi per il proprio bene personale senza desiderare anche il bene dell’altro, chiunque esso sia. E’ così che il bene comune impegna indifferentemente tutti i membri della società senza che alcuno sia esente dal collaborare, a seconda delle proprie capacità, al suo raggiungimento ed al suo sviluppo". Per mons. Renzo "la ricerca del bene comune è esperienza di comunione, che comporta il superamento di ogni visione individualistica delle cose. E’ la sfida ad imparare che non si vive e non ci si salva mai senza l’altro". Per il presule "non servono solo progetti educativi ben congegnati, servono educatori-testimoni di impegno per il bene comune, come servono altresì esperienze di relazioni ricche di umanità".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy