CROCIFISSO NELLE SCUOLE: LA CORTE DI STRASBURGO NON È UN’ISTITUZIONE DELL’UE

"La Corte europea dei diritti dell’uomo non è un’istituzione dell’Unione europea": a precisarlo in una nota è oggi la Rappresentanza in Italia della Commissione europea. "In riferimento agli articoli pubblicati da alcuni media italiani sulla sentenza relativa all’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche italiane, in cui si fa confusione tra la Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) e l’Unione europea (Ue) – spiega la nota – la Rappresentanza in Italia della Commissione europea precisa che l’Unione europea (www.europa.eu) nasce con la Ceca (Comunità europea del carbone e dell’acciaio) nel 1951 e si sviluppa successivamente attraverso la Cee (Comunità economica europea) e con la Ceea (Comunità europea dell’energia atomica) nel 1957". Le competenze di queste organizzazioni sono definite dai "Trattati fondanti le suddette Comunità e ulteriormente estese dal successivo Atto unico europeo (1986)". Con il Trattato di Maastricht (1992), prosegue la nota, "è stata istituita l’Unione europea, che insieme alle Comunità preesistenti punta ad un’integrazione sempre più stretta tra gli attuali 27 Stati membri. In seguito sono nati il Trattato di Amsterdam (1997) e il Trattato di Nizza (2001)". Nel 2007, rammenta ancora la Rappresentanza, "è stato firmato il Trattato di Lisbona che modifica e semplifica i precedenti" ed "entrerà presto in vigore dopo il completamento del processo di ratifica". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy