BALCANI: CDE, DA DOMANI A PRISTINA CONFERENZA SU "SFIDE E OPPORTUNITÀ"

La cooperazione tra gli attori della società civile, la libertà di espressione e il ruolo dei media nella cooperazione regionale, le prospettive di cooperazione economica nei Balcani, la criminalità organizzata e la corruzione sono i temi della conferenza "Sfide e opportunità per la regione dei Balcani" che la Scuola di Studi politici di Pristina (Kosovo) organizza da domani all’8 novembre. Le Scuole di Studi politici, sostenute dal Consiglio d’Europa, "hanno lo scopo – spiega una nota del CdE – di formare le nuove generazioni di dirigenti politici, economici, sociali e culturali nei Paesi in transizione" attraverso "seminari e conferenze con esperti nazionali e internazionali sui temi dell’integrazione europea, della democrazia, dei diritti dell’uomo, dello Stato di diritto e della globalizzazione". Tra i relatori della conferenza di Pristina Francois Friederich (CdE); Hedvig Morvi Horvat, direttore esecutivo del Fondo europeo per i Balcani, e Renzo Daviddi, direttore dell’Ufficio della Commissione europea in Kosovo. La prima delle Scuole di Studi politici è stata istituita a Mosca nel 1992. Attualmente ne esistono sedici: in Russia, Georgia, Bulgaria, Moldavia, Kosovo/MINUK, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Serbia, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Albania, Romania, Armenia, Ucraina, Azerbaigian e Montenegro. La più "giovane" è stata istituita nel gennaio 2008 in Bielorussia. ” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy