CONGO-BRAZZAVILLE: MSF, MIGLIAIA DI RIFUGIATI SENZA ASSISTENZA, CIBO E ACQUA

Circa 24mila rifugiati sono giunti recentemente nel nord del Congo-Brazzaville. Stanno scappando dalle terribili violenze del conflitto che imperversa tra diversi gruppi nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). A darne notizia è Medici senza frontiere che sta fornendo assistenza medica di emergenza nella regione di Inpfoudou. "Non c’è nessuna assistenza per i rifugiati, niente cibo, niente acqua, nessun riparo. Le famiglie sono sparpagliate lungo il fiume, all’aperto" afferma Salha Issoufou, coordinatore per l’emergenza di Msf che sollecita altre organizzazioni umanitarie a fornire materiali di soccorso perché "la popolazione locale sta già dividendo le proprie risorse con le ondate di rifugiati". Le agenzie delle Nazioni Unite e le autorità governative hanno annunciato che distribuiranno aiuti. "Il principale problema sanitario è la diarrea", aggiunge Issoufou. "Bevono l’acqua dei fiumi, che li fa ammalare. C’è anche la malaria, perché lungo il fiume ci sono molte zanzare". Msf sta organizzando cliniche mobili in diverse aree dove si sono raccolti i rifugiati e supporterà l’ospedale di Bétou, dove sono curati i casi più gravi. In molti villaggi i pozzi hanno bisogno di essere riparati per migliorare l’accesso all’acqua potabile. Msfsta pensando di distribuire anche teli di plastica, coperte e zanzariere. ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy