CAUCASO: HAMMARBERG (CDE), PERSISTONO INSTABILITÀ, CORRUZIONE E VIOLAZIONE DIRITTI UMANI

"La regione del Caucaso del Nord non si trova ancora in una situazione di stabilità. L’aumento dell’attività condotta da gruppi armati illegali, l’assenza di indagini effettive su sparizioni e omicidi, nonché gli assassinii perpetrati nei confronti dei militanti dei diritti umani destano particolare preoccupazione" dichiara oggi il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Thomas Hammarberg. Nel suo rapporto sulla recente visita effettuata in Cecenia e Inguscezia, il commissario sottolinea che "sebbene sia compito delle autorità statali proteggere la popolazione dal terrorismo e dalle azioni di gruppi armati illegali, le misure antiterroristiche devono essere applicate nel pieno rispetto delle norme relative alla difesa dei diritti umani". "Le autorità russe – afferma – devono precisare quali sono" al riguardo "le regole e le garanzie" riferibili ad ogni operazione antiterroristica. Necessario, in particolare, "procedere all’elaborazione di precise linee guida che regolino il ricorso alla forza" e assicurarne l’applicazione. Pur constatando "sforzi importanti" per il rafforzamento dello stato di diritto, Hammarberg denuncia la persistenza dell’impunità e la necessità di "lottare contro la corruzione presente in seno al sistema giudiziario e alle forze dell’ordine", e chiede "condizioni sicure e favorevoli" per gli attivisti dei diritti umani. ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy