ITALIANI NEL MONDO: SONO PIÙ DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA (3)

Per un terzo degli intervistati, il miglioramento del tenore di vita è intervenuto subito, per gli altri successivamente, cavandosela quasi sempre da soli: 1 su 5 degli intervistati non ha fatto progressi o si trova in situazione di disagio. Nei confronti dei consolati si dichiara soddisfatto la metà degli intervistati e circa un quinto ammette di non essersi ancora iscritto all’Aire. Dal sondaggio emerge che gli italiani residenti all’estero leggono più la stampa italiana rispetto a quella locale. La stragrande maggioranza si dichiara religiosa, ma diminuisce la percentuale di quelli che frequentano la chiesa locale. I nostri connazionaliu possono contare su 126 Comitati degli italiani all’estero operanti a livello territoriale in 38 Paesi, 500 Comitati sparsi nel mondo per la promozione della lingua e della cultura italiana, con più di 6 mila corsi organizzati specialmente in Europa e ancor di più in America Latina dalla Società Dante Alighieri che quest’anno compie 120 anni di vita. Secondo l’indagine "Italiano 2000", la lingua prevalente tra gli italiani è quella del paese ospitante (73,6%), senza però che sia dimenticato l’italiano (50,5%) e tanto meno il proprio dialetto (58,2%). Un ruolo rilevante è quello dei media: la comunità italofona radiotelevisiva è molto ampia e include diversi paesi che fanno leva sull’italicità, intesa come legame culturale-linguistico non basato sulla cittadinanza. Inoltre, nel mondo sono state censite oltre duecento 50 radio e circa 50 televisioni che trasmettono programmi in italiano, mentre sono 472 i giornali in lingua italiana all’estero. Alcuni anche in Africa. (segue)” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy