IRC: IL MESSAGGGIO DELLA PRESIDENZA CEI

"Con l’insegnamento della religione cattolica", la Chiesa che è in Italia "propone all’interno dell’offerta formativa l’orizzonte di valori provenienti dal ricco patrimonio del cristianesimo, che segna profondamente la cultura occidentale, declinandosi" nel nostro Paese "soprattutto nella forma cattolica". È quanto si legge nel messaggio della presidenza della Conferenza episcopale italiana in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica (Irc) nell’anno scolastico 2010-2011 (Testo integrale in .pdf: clicca qui). La Chiesa, affermano i vescovi, "consapevole che la scuola è luogo imprescindibile di formazione della persona", si fa "compagna di viaggio dei genitori, dei docenti e degli studenti, cooperando – nelle modalità che le sono proprie – all’educazione integrale delle giovani generazioni". Secondo la Cei, "i grandi valori universali della dignità della persona, della pace e della giustizia, le molteplici espressioni dell’arte, della musica e della letteratura" costituiscono "la trama organica della nostra civiltà e resterebbero incomprensibili, se disancorati dalla radice cristiana che li ha generati e dalla figura e dall’opera di Gesù Cristo, che ne è il fondamento". Di qui le parole del Papa ai partecipanti all’incontro degli Idr nello scorso aprile: "grazie all’insegnamento della religione cattolica, la scuola e la società si arricchiscono di veri laboratori di cultura e di umanità". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy