BENEDETTO XVI: ANGELUS, VITTIME DELLA STRADA, ESSERE RESPONSABILI DELLA VITA

Un pensiero alla Giornata del ringraziamento e a quella di memoria delle vittime di incidenti stradali. Lo ha rivolto, ieri mattina, Benedetto XVI, dopo aver recitato l’Angelus da piazza S. Pietro. Ricordando la celebrazione nazionale della Giornata del ringraziamento ad Ivrea, in Piemonte, il Papa "volentieri" si è unito "spiritualmente a quanti sono riconoscenti al Signore per i frutti della terra e del lavoro dell’uomo, rinnovando l’invito pressante al rispetto dell’ambiente naturale, risorsa preziosa affidata alla nostra responsabilità". "Oggi – ha proseguito – ricorre la Giornata mondiale della memoria delle vittime degli incidenti stradali. Affido alla misericordia di Dio i defunti. Incoraggio tutti coloro che percorrono le strade del mondo alla prudenza, nello spirito di responsabilità per il dono della salute e della vita propria e altrui. Il Signore protegga quanti viaggiano e benedica tutti". Un saluto, poi, ai partecipanti all’Assemblea plenaria della Commissione episcopale europea per i media, i cui lavori si sono svolti in questi giorni in Vaticano: "Carissimi – ha detto il Santo Padre – vi siete confrontati sulla cultura di internet e la comunicazione nella Chiesa. Vi ringrazio per il vostro qualificato contributo su questa tematica di grande attualità". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy