ASSEMBLEA CEI: CARD. BAGNASCO, LA "RESPONSABILITA’" DEI MEDIA NEL "DISCERNERE IL VERO DAL FALSO"

Il ruolo dei media non è quello di "ignorare o nascondere" i fatti, ma di "discernere il più possibile il vero dal falso, e di mantenere il vero nella giusta misura". Lo ha detto il card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei, rispondendo alla domanda di un giornalista sul rapporto tra i media e la "questione morale". "Riconosciamo e apprezziamo – ha affermato il presidente della Cei durante la conferenza stampa conclusiva dell’assemblea di Assisi – la grande responsabilità, le potenzialità che il mondo dei media ha nella formazione della coscienza delle persone, e di conseguenza dell’éthos popolare". "Sempre di più e sempre meglio – ha aggiunto – dobbiamo aiutarci non a distruggere e deformare, ma a custodire e arricchire l’éthos profondo che esprime l’anima di una nazione". Quanto al ruolo specifico dei media, Bagnasco ha precisato che "si può dire il vero, ma anche enfatizzare e colorare. Dobbiamo chiederci – ha ammonito – se è onesto, giusto, costruttivo, non per il bene di un giornale, ma di un popolo del quale si è a servizio". "A volte", è l’analisi dei vescovi, "si danno in certi ambienti notizie, con una certezza morale, però poi l’insistenza, la descrizione – come nel caso di fatti di cronaca tristissimi – metterci il coltello dentro non so quanto arricchisca la notizia". "Questo significa responsabilità, non autocensura", ha concluso Bagnasco.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy