ASSEMBLEA CEI: CARD. BAGNASCO, CATTOLICI IN POLITICA "CON COERENZA SERVIZIO DEL PAESE" (2)

Alla domanda di un giornalista circa le "frequentazioni" dei vertici della Chiesa con la Lega Nord, il cardinale ha ricordato le parti della sua prolusione dedicate alla necessità di "unità e collaborazione", di un "clima collaborativo" a cui occorre dare spazio nel nostro Paese. "Anzitutto – ha spiegato il cardinale – perché è un’esigenza avvertita dalla nostra gente, che desidera essere sempre più al centro dell’attenzione onesta, operosa, concreta di tutte le istituzioni". Un "desiderio di un clima più costruttivo" che per Bagnasco è avvertibile "ovunque", perché è anche "un’esigenza a tutti i livelli istituzionali, quella di calare il tono e la tensione dell’attuale dialettica politico-democratica per salire ad un piano superiore, cioè quello del bene del Paese". La Chiesa, da parte sua, "continuerà a fare la sua parte" per svelenire il clima politico, "a prescindere dall’ascolto e dall’immediata efficacia". No, dunque, al cristianesimo come "religione civile", sì invece ad una Chiesa la cui "missione" è "soprannaturale", in quanto fondata sull’annuncio dei valori evangelici che si traduce non in "nominalismo", ma in un "sostanziale rispetto di persone, parole e fatti. Una serie di valori concreti, puntuali e irrinunciabili che la Chiesa non si stancherà mai di proclamare, senza nessun privilegio o ingerenza". ” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy