ROM IN ITALIA: AMNESTY INTERNATIONAL CHIEDE ALL’UE DI FERMARE "LA CACCIA ALLE STREGHE"

In una lettera inviata ai ministri europei degli Interni e della Giustizia, che si riuniscono oggi a Bruxelles nel Consiglio giustizia e affari interni, Amnesty International ha chiesto che siano condannati gli atti di discriminazione nei confronti delle comunità rom in Italia, culminati nella raccolta di informazioni sull’origine etnica e la religione, nonché in quella delle impronte digitali, anche di minori, che definisce una "caccia alle streghe". “Dopo le critiche della Commissione e del Parlamento europeo, ora spetta agli Stati Ue prendere posizione contro quella che è diventata una campagna a tutto tondo contro i rom” ha dichiarato Nicolas Beger, direttore dell’Ufficio Amnesty presso l’Ue. Secondo l’Ufficio europeo dell’organizzazione per i diritti umani, "la raccolta delle impronte digitali dei rom per motivi di pubblica sicurezza è solo l’ultima di una serie di politiche discriminatorie adottate dalle autorità italiane. Dal 2007, per esempio, vi è stato un aumento degli sgomberi forzati tra cui quello di Tor di Quinto, a Roma, dove un gran numero di persone (bambini e anziani inclusi) sono stati abbandonati nella notte dopo che il loro accampamento era stato distrutto". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy