BENEDETTO XVI: GMG – CERIMONIA DI BENVENUTO, IL "RETAGGIO" DEGLI ABORIGENI E MARY MCKILLOP

” “La Chiesa australiana, "oltre ad essere la più giovane tra le Chiese dei vari continenti, è anche una delle più cosmopolite", visto che "fin dal primo insediamento europeo questo Paese è divenuto la dimora non solo di generazioni di emigranti dall’Europa, ma anche di persone di ogni parte del mondo". Durante la cerimonia di benvenuto alla Government House di Sydney, il Papa ha definito l’Australia "una nazione giovane", ma ha anche ricordato che "già per migliaia di anni prima dell’arrivo degli emigranti occidentali, i soli abitanti di questo suolo erano persone originarie del Paese, aborigeni e isolani dello Stretto di Torres". "Il loro antico retaggio forma parte essenziale del panorama culturale dell’Australia moderna", ha proseguito Benedetto XVI, definendo "coraggiosa" la decisione del governo australiano di "riconoscere le ingiustizie commesse nel passato contro i popoli indigeni", grazie alla quale "si stanno ora facendo passi concreti al fine di raggiungere una riconciliazione basata sul rispetto reciproco". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy