MYANMAR: CARITAS, "DISASTRO SENZA PRECEDENTI". UN COMITATO PER GESTIRE EMERGENZA

La Caritas italiana rinnova oggi l’appello per gli aiuti alla popolazione colpita dal ciclone Nargis che ha colpito la zona meridionale del Myanmar con una violenza "senza precedenti" e un continuo aumento del numero dei morti, si parla di circa 100.000 persone. "Le difficoltà sono enormi: dal punto di vista logistico sono saltate quasi tutte le linee di comunicazione – racconta la Caritas, che sta già intervenendo tramite i partner locali -, anche le strade nella zona colpita sono impercorribili e la maggior parte dell’area nel delta dell’Irrawaddy è raggiungibile solo con gli elicotteri. Il bisogno principale è senza dubbio quello alimentare, essendo andate distrutte gran parte delle scorte sia di cibo che di acqua potabile, il che rende, di conseguenza, anche la situazione igienico sanitaria sempre più drammatica". Nell’area colpita, fino all’ex capitale Yangon, "è difficilissimo reperire generi di prima necessità e carburanti, quel poco che si trova ha raggiunto prezzi molto alti. Il Myanmar rimane tagliato fuori dal mondo, la maggior parte delle zone colpite non sono state ancora ripulite da grandi alberi caduti e questo condiziona i trasporti e le strutture sanitarie che non hanno attrezzature e medicinali". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy