COMUNICAZIONI SOCIALI: CONVEGNO CEI. ZUCCHELLI, IL FUTURO DEI SETTIMANALI CATTOLICI?

"Esiste un settore della comunicazione della Chiesa italiana molto significativo, che ha una sua grande forza opinionale. Sono i 168 periodici diocesani. Sono giornali d’informazione che raccontano tutta la realtà di un territorio ponendosi da un punto di vista evangelico, servendo la verità, liberi da ogni condizionamento". A presentare la realtà dei giornali diocesani ai partecipanti al convegno Cei sulle comunicazioni sociali ("Lo sguardo quotidiano" – Milano, 8-10 maggio) è stato questa mattina il presidente della Federazione italiana dei settimanali cattolici (Fisc), don Giorgio Zucchelli. "In questo primo scorcio del terzo millennio", ha detto Zucchelli, i settimanali diocesani, guidati dai documenti della Chiesa italiana, "s’interrogano per il futuro, in una contingenza storica di grandi cambiamenti e innovazioni nel mondo dei media. Ci sarà ancora posto per loro? Sono convinto di sì". Secondo il presidente Fisc, "i settimanali diocesani avranno un futuro se seguiranno tre piste: la loro peculiare funzione di evangelizzazione, il legame con il territorio, la sinergia editoriale fra di loro e con gli altri media d’informazione cattolica". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy