COMUNICAZIONI SOCIALI: CONVEGNO CEI. ZUCCHELLI, IL FUTURO DEI SETTIMANALI CATTOLICI? (2)

"I settimanali diocesani – ha aggiunto Zucchelli – sono uno dei tanti strumenti del progetto culturale lanciato dalla Chiesa italiana di fronte alla diffusione della cultura radical-laicista. Non solo oggi, ma soprattutto nel futuro, il loro compito sarà fondamentale per promuovere una pacata e ragionevole controinformazione". Per il presidente Fisc, "non si tratta di promuovere i valori in un popolo lontano da essi, ma si tratta di far emergere quanto custodito nella tradizione culturale dello stesso popolo italiano. I settimanali diocesani (ma non solo) offrono la possibilità di «liberare» finalmente il pensiero della gente, soggiogato ed emarginato dai poteri forti". Riflettendo ancora sul "futuro delle testate diocesane", Zucchelli ha ribadito che "è strategico adottare la formula di giornali d’informazione locale. L’attenzione al territorio non penalizza la matrice ecclesiale e favorisce l’osmosi profonda tra la vita della Chiesa e la realtà socio-culturale di un determinato ambiente". Non solo: "Ai settimanali non dovrà mancare lo spazio per uno sguardo più ampio ai temi nazionali e internazionali per realizzare la cattolicità di ogni Chiesa: prezioso è in questo senso il supporto dell’agenzia SIR". Zucchelli ha concluso con un "invito ai media cattolici" a "riscoprire l’importanza di collaborare" per "costruire insieme il futuro e non lasciarci sorprendere da esso".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy