SUPPLICA POMPEI: CARD. BERTONE, "UN’OASI DI SPERANZA PER IL MEZZOGIORNO"

"Le verità fondamentali della nostra fede ci vengono richiamate dalla cara immagine della Madonna che dall’alto veglia su noi: la Madre stringe al petto Gesù ed entrambi offrono la corona del Rosario all’umanità rappresentata dai santi inginocchiati ai loro piedi. Potremmo ben dire che tutto, in questo santuario, ci addita come mezzo semplice, ma efficace per crescere nella fede e nell’amore proprio la recita del Rosario". Lo ha detto, stamattina, il card. Tarcisio Bertone, segretario di Stato vaticano, nell’omelia della santa messa che precede la supplica alla Madonna di Pompei (ore 12). "I Papi – ha proseguito – recitano sempre con fede il rosario: anche ieri Benedetto XVI, dopo il concerto dell’Orchestra Filarmonica cinese, mi ha detto di andare a recitare il Rosario". Da Maria, infatti, si apprende "la perenne lezione dell’amore: per Dio e per il prossimo". La "supplica", inoltre, "costituisce uno degli appuntamenti maggiori per la famiglia dei devoti della Madonna di Pompei, città nota dappertutto per le due civiltà che evoca": "l’antica Pompei" e la "nuova Pompei" il cui "simbolo" è il santuario, che ha preceduto la nascita della moderna città e "in un certo modo l’ha modellata in ogni angolo", dando "ad essa forma dopo averle assicurata la sostanza di una fede creativa e vitale, sempre pronta non solo a misurarsi, ma a essere la misura di ogni progresso civile e sociale". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy