CICLONE IN MYANMAR: AMNESTY INTERNATIONAL, APPELLO AL GOVERNO AD APRIRE LE FRONTIERE (2)

Il governo di Myanmar, per Amnesty International, "deve inoltre assicurare che gli sfollati, circa un milione, siano assistiti con la massima urgenza attraverso la fornitura di riparo, cibo, acqua e cure mediche. Dati i precedenti, che hanno visto il governo di Myanmar trasferire forzatamente i propri cittadini, Amnesty International preme sulle autorità affinché si astengano dall’uso della forza nei confronti degli sfollati". Infatti, Amnesty International teme che, a causa della diffusa corruzione e del comportamento autoritario del governo, questo possa manipolare gli aiuti per ordinare trasferimenti forzati della popolazione, con l’obiettivo di ridurre o sopprimere il sostegno ai gruppi di opposizione. "In situazioni di crisi e di emergenza, i diritti umani sono più che mai a rischio – ha ammonito Zawacki -. Per questo, è fondamentale che il governo di Myanmar e tutti gli altri soggetti coinvolti nella fase post-disastro riconoscano e sostengano il ruolo centrale dei difensori dei diritti umani, compresi coloro che prendono parte all’azione umanitaria e coloro che controllano che non si verifichino violazioni nelle fasi di assistenza e di ricostruzione".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy